loading...
Logo
Edicola digitale
+

Pietro Senaldi a DiMartedì contro Mattia Santori: "Le sardine non hanno più niente da dire, la paura di Salvini è passata"

  • a
  • a
  • a

"Le sardine non ricorrono al politichese per nascondere chissà quale strategia o messaggio. Lo fanno perché non hanno più molto da dire". Pietro Senaldi, in collegamento con Giovanni Floris a DiMartedì, lo dice in faccia a Mattia Santori, che le sardine le ha fondate un anno fa in piazzaa Bologna. E la faccia del pesciolino di sinistra, di sasso, è tutta un programma.

 

 

 

"Hanno avuto un senso in Emilia Romagna - spiega il direttore di Libero -, per mettere un vestito nuovo a una idea vecchia. La sinistra era un po' logora e loro hanno portato molta freschezza. Passata la paura di Salvini, perché è indubbio che la Lega ora sia meno minacciosa rispetto a un anno fa, la funzione delle sardine viene un po' meno e Santori si sente un po' escluso e chiede a Zingaretti: 'Io qui cosa ci sto a fare?'". 

 

Dai blog