loading...
Logo
Edicola digitale
+

DiMartedì, "agguato" a Matteo Salvini? Vola lo share del programma di Giovanni Floris: una vittoria per tutti

  • a
  • a
  • a

Claudio Borghi lo ha definito "un agguato" a Matteo Salvini. Si parla di quanto successo nello studio di DiMartedì, il programma di Giovanni Floris in onda su La7, nella puntata di martedì 15 settembre. Ospite d'onore, il leader leghista. Contro il quale era stato schierato una sorta di plotone: Concita De Gregorio, Gianrico Carofilgio, Marco Damilano e Marco Travaglio. Roba da Armata Rossa, insomma. E Salvini ovviamente ha combattuto, risposto, replicato colpo su colpo. Una battaglia, quella dell'ex ministro dell'Interno, che il pubblico sembra avere apprezzato. E parecchio. Lo confermano gli ascolti: partito dal 6%, DiMartedì ha toccato punte dell’8,5% grazie al collegamento con il leader leghista. Insomma, Salvini tira, fa share, acchiappa gli ascolti. Non c'è Armata Rossa che tenga. E, per inciso, parlano chiaro anche le cifre raggranellate da Stasera Italia di Barbara Palombelli, che lunedì sera su Rete 4, con Salvini, è volato al 6,4%, un punto sopra la media della trasmissione. E ancora, altre e recenti conferme da Tg2 Post, Fuori dal Coro e Quinta Colonna su Rete4 o lo speciale di domenica sera con Myrta Merlino su La7. Tra poche ore, oggi mercoledì 16 settembre, Salvini sarà ospite di Bruno Vespa a Porta a Porta, su Rai 1.

 

 

Dai blog