Logo
Edicola digitale
+

Lucio Battisti fascista? La rivelazione: "Picchiato dai partigiani", il grave trauma in famiglia

  • a
  • a
  • a

Nuove, clamorose rivelazioni su Lucio Battisti "fascista". Dopo la notizia di un dossier dei servizi segreti americani, secondo cui il mitico cantante italiano avrebbe finanziato gruppi di estrema destra negli Anni 70, ora arrivano nuovi dettagli che avvalorerebbero l'appartenenza "politica" della voce di Emozioni e Acqua azzurra acqua chiara.




 

"Il padre di Battisti faceva parte delle Camice Nere e negli anni subito successivi alla guerra fu picchiato dai partigiani proprio davanti a Lucio che avrà avuto all'incirca cinque anni. E ne fu scosso", spiega Roberto Pambianchi, ex Sismi e oggi musicista secondo quanto riporta il Giornale. "Fu questo che lo portò ad avere una certa antipatia verso il colore rosso che gli ricordava bandiere e magliette rosse che correvano appresso al padre. Alfiero, il papà di Lucio, mi disse proprio che, al di là di questo fatto emozionale, a Lucio la politica in se stessa non interessava". Secondo Adalberto Baldoni, ex segretario di Giovane Italia, Battisti non ha invece mai finanziato gruppi di estrema destra o eversivi: "Era un simpatizzante della Giovane Italia, ma non era un attivista, non frequentava e non ha mai avuto la tessera".

Dai blog