Logo
Edicola digitale
+

Servizi segreti, Alessandro Meluzzi contro Giuseppe Conte: "Atto incostituzionale, così la democrazia muore"

  • a
  • a
  • a

Il caso dei servizi segreti, con il colpo di mano di Giuseppe Conte, scatena Alessandro Meluzzi. Il premier, infatti, ha cambiato la legge che regola la nomina dei vertici degli 007 in gran segreto, inserendola nell'ultimo decreto Covid. Un caso che ha scatenato le opposizioni e che non sarebbe piaciuto neppure al Pd. E Meluzzi, in un video-intervento per Imola Oggi, picchia duro su questa vicenda. Parla di misura "assolutamente impropria, anticostituzionale e probabilmente illegittima, non ha neppure coinvolto il Copasir, il comitato di controllo sui Servizi di sicurezza del Parlamento". 

 

E ancora: "È chiaro che, in sistema geopolitico come quello attuale, il ruolo dei Servizi di Sicurezza è fondamentale, ma lo è ormai in tutti gli Stati, tanto che si parla di comunità dell’Intelligence negli Stati Uniti, come in Russia, come in Europa. Quindi, per evitare che un Deep State diventi una realtà irraggiungibile, incontrollabile, antidemocratica, non si possono prendere misure come queste, anche perché il rischio è che altrimenti venga meno quel rapporto di fiducia che molte volte è mancato nella storia di questa Repubblica", conclude Meluzzi.

 

 

Dai blog