Logo
Edicola digitale
+

Massimo Casanova, Mr Papeete furioso: "È la manovra dei poteri forti all'estero per comprarci a due euro"

Massimo Casanova, Mr Papeete

  • a
  • a
  • a

E' "incazz*** nero" Massimo Casanova, meglio conosciuto come Mr Papeete: "Vorrei che i primi a sperimentare il plexiglass tra ombrelloni fossero il presidente del Consiglio Conte e i suoi ministri. Li ospito io, a inizio stagione, vediamo come si trovano", sbotta in una intervista a La Repubblica. E annuncia di piombare a Roma "dopo il 3 maggio con i colleghi di tutta Italia".  "Poche ore fa il ministro Franceschini ha comunicato agli assessori regionali al Turismo che non sarà possibile riconoscere lo stato d' emergenza per il settore", continua Casanova, "ma noi siamo gli unici destinati a perdere il 100 per cento del fatturato. Siamo in ginocchio. Prenda il mio caso". 

 


Ovvero "tre stabilimenti balneari, due alberghi, una discoteca, 450 dipendenti. A una manciata di settimane dall' inizio della stagione e nessuno che sappia dirci cosa fare". Ergo il Papeete rischia di non aprire "per colpa di un governo di incapaci siamo totalmente fermi. Nessuno che ci sappia dire se ci sarà o meno una stagione balneare. E se sì, in che modo organizzarla".

Quindi propone "un incentivo per le famiglie che faranno vacanze in Italia. Sarebbe un primo segnale. Nelle ultime ore centinaia di albergatori e gestori di stabilimenti mi hanno contattato, vogliono protestare a Roma. E ci andremo", "ci dobbiamo ribellare. In tutta questa vicenda non ci vedo chiaro". Il sospetto è che "ci sia una regia dietro a tutto questo: i poteri forti che dall' estero puntano a comprare in Italia per due euro: spiagge, alberghi, tutto". Quindi difende Matteo Salvini, "l'unico a fare proposte".

Dai blog