Logo
Edicola digitale
+

Le inattese fatiche della Champions fino al campionato: zero segni di ripresa

Luciano Moggi
Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce a Monticiano il 10 luglio 1937. Dirigente di Roma, Lazio, Torino, Napoli e Juventus, vince sei scudetti (più uno revocato), tre Coppe Italia, cinque Supercoppe italiane, una Champions League, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa europea, una Coppa Intertoto e una Coppa Uefa. Dal 2006 collabora con Libero e dal 13 settembre 2015 è giornalista pubblicista.

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Le nostre squadre di Champions non danno alcun segno di ripresa: malissimo la Juve che perde rovinosamente in casa con il Barcellona (0-2), l'Inter che torna dall'Ucraina con uno scialbo 0-0, l'Atalanta (che nel primo tempo ne aveva presi due dall'Ajax), che si riprende nella ripresa ma non va oltre il pareggio con due reti di Zapata. Meglio di tutte la Lazio, che torna da Bruges con un pareggio prezioso nonostante le tante assenze. Ricomincia per prima la Dea in campionato, vincendo allo Scida col Crotone (1-2, doppietta di Muriel, migliore in campo). Atalanta quindi in ripresa, ma con diverse problematiche di formazione visti gli infortuni. Già martedì, contro il Liverpool sarà proibito perdere per non vedersi avvicinare dall'Ajax che, da favorito, incontrerà il Midtjylland. L'Inter delude contro lo Shakhtar: lo 0-0 non risolve i problemi di classifica perché adesso i nerazzurri dovranno giocarsi la qualificazionenel doppio confronto col Real Madrid.

Lenta e senza idee, la squadra di Conte, pur facendo possesso palla, non ha mai impensierito la difesa avversaria. Esattamente uguale a quella vista nel primo tempo di Marassi col Genoa, nell'ultima di campionato, dove non era riuscita mai ad impegnare Perin. L'Inter ieri, per vincere contro una squadra modesta come è il Parma, avrebbe dovuto tornare ad essere battagliera come nella ripresa contro i liguri. Non è riuscita nell'intento e non è andata quindi oltre il pareggio (2-2), anche un po' fortunoso. La Juve, reduce da pareggi con Crotone e Verona, dove aveva manifestato forma scadente, viene massacrata dal Barcellona in Champions. È pur vero che le sono stati annullati (in base all'attuale regolamento) tre gol, ma è anche vero che i catalani potevano segnare molto di più se non avessero preteso di entrare in porta con la palla. 

Vittoria sicuramente meritata degli spagnoli contro una Juve in difetto cronico a centrocampo dove, tra gli avversari, è brillato Pjanic, il migliore con Messi. Contro lo Spezia riprenderà il suo posto Ronaldo, guarito dal Covid. Sicuramente i bianconeri andranno in campo rinfrancati dalla sua presenza cercando la vittoria: altri passi falsi complicherebbero ulteriormente la classifica già precaria, anche se siamo solo all'inizio. In Champions, contro gli ungheresi del Ferencvaros, bianconeri favoriti: il girone verterà sulla lotta per il primo posto tra gli spagnoli e la Juventus, essendo le altre due nettamente inferiori. La Lazio, decimata da Covid e infortuni, torna con un buon pareggio dalla difficile trasferta contro il Bruges. In classifica la squadra di Inzaghi precede i belgi, ma ad un solo punto dalle due incombe il Borussia Dortmund, avversario di tutto rispetto. Prossimo turno da non sbagliare è la trasferta russa contro lo Zenit di Pietroburgo, ancora a zero punti. In ritardo invece di punti nella classifica del campionato, i laziali dovranno affrontare il Toro, ultimo in classifica, per cercare di recuperare posizioni di classifica, essendo relegati attualmente al 12° posto. L'E-League ci restituisce un Napoli in forma e in autostima dopo la vittoria sul campo della Real Sociedad.

Stasera al S.Paolo si presenterà il minaccioso Sassuolo di De Zerbi: vediamo comunque gli uomini di Gattuso favoriti. Il Milan, straripante in E-League contro lo Sparta Praga, andrà a far visita all'Udinese con il proposito di mantenere la leadership del campionato. L'impegno non è facile: il pari ci sembra il risultato più probabile. Male la Roma in casa col CSKA Sofia: il pari (0-0) non complica comunque la classifica Champions, ma denota una squadra stanca per i continui impegni. Stasera in campionato i giallorossi restano comunque favoriti contro la Fiorentina.

Dai blog