Logo
Edicola digitale
+

"Les Miserables", non soltanto delle musiche bellissime

Giorgio Carbone
Giorgio Carbone

Nato a Tortona (Al) il 19 dicembre 1941. Laureato in giurisprudenza a Pavia. Giornalista dal 1971. Per 45 anni coniugato all'attrice Ida Meda. Due figli. Critico cinematografico (titolare) per "La Notte" dal 1971 al 1995. Per "Libero" dal 2000 a oggi. Autore di tre dizionari: Dizionario dei film (dal 1978 al 1990); Tutti i film (dal 1991 al 1999); Dizionario della tv (1993).

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

LES MISERABLES
Tv, Sky Cinema drama, ore 21
Con Hugh Jackman, Russell Crowe, Anne Hathaway. Regia di Tom Hooper. Produzione USA 2012. Ore 2 e 38

LA TRAMA
La storia è quella del classico di Victor Hugo stavolta raccontata in musical. Jean Valjean è un eroico sventurato finito in prigione a 18 anni  per aver rubato un tozzo di pane e destinato a scontare quel gesto tutta la vita. In prigione  per vari tentativi di fuga si vede la pena allungata oltre ogni misura. Esce che ha 40 anni e riesce a ricostruirsi una vita. Ma il suo antico guardiano lo perseguita, lo rintraccia in ogni suo rifugio. Si trovano ancora di fronte, quattro lustri dopo nella Parigi devastata da scoppi rivoluzionari.

PERCHÈ VEDERLO
Perché le musiche sono bellissime. E gli attori girano (e cantano) alla perfezione nonostante siano tutti, ma proprio tutti, collocati nei ruoli sbagliati. L'elegante Jackman nella parte dell'ercole proletario Valjean. Il bonario  Crowe nei panni  del fanatico  inesorabile Javert. E la gagliarda Anne Hathaway che muore di consunzione. Il che non ha impedito alla gagliarda  di  vincere l'Oscar per l'attrice secondaria.

Dai blog