loading...
Logo
Edicola digitale
+

"La guerra dei mondi", quando la tensione non molla mai (e un tocco finale di cinefilia)

Giorgio Carbone
Giorgio Carbone

Nato a Tortona (Al) il 19 dicembre 1941. Laureato in giurisprudenza a Pavia. Giornalista dal 1971. Per 45 anni coniugato all'attrice Ida Meda. Due figli. Critico cinematografico (titolare) per "La Notte" dal 1971 al 1995. Per "Libero" dal 2000 a oggi. Autore di tre dizionari: Dizionario dei film (dal 1978 al 1990); Tutti i film (dal 1991 al 1999); Dizionario della tv (1993).

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

LA GUERRA DEI MONDI
Con Tom Cruise, Dakota Fanning e Miranda Otto. Regia di Steven Spielberg. Produzione USA 2005. Durata : 1 ora e 56

LA TRAMA
Tom Cruise è un divorziato che sta passando il weekend coi figli. Ad un tratto uno strano marchingegno spacca  il  terreno accanto a  lui  e incenerisce tutto quello che si trova intorno. Le spaccature  e gli incendi  si moltiplicano e Cruise  intuisce che un cataclisma è in atto e non deve perdere un attimo per fuggire se non vuole incenerire  colla sua famiglia. Tenta di arrivare a New York  dove sono i nonni ma nel percorso  trova  solo caos e rovina. E in atto un' invasione degli extraterrestri  e nemmeno l'esercito sembra poterci fare nulla. La salvezza arriva alla faccia degli ecologisti. L'atmosfera della Terra che  in fondo è ancora respirabile per i terrestri si rivela micidiale per  i  marziani.

PERCHE' VEDERLO 
Perché è senz'altro la migliore versione del romanzo apocalittico di H.G.Wells scritto oltre un secolo fa. Steven Spielberg, in ottima forma  ci dà dentro cogli effetti speciali e non molla la tensione  per quasi due ore. Non manca un tocco di cinefilia nel finale (gli interpreti dei nonni  sono gli attori che interpretarono la versione del 1953).  

Dai blog