loading...
Logo
Edicola digitale
+

Donne, leadership e creatività: 18 nomi raccontano il loro successo

Brunella Bolloli
Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Diciotto donne davanti al computer che spiegano la ricetta del loro successo. Sono manager, scienziate, stiliste, volti noti della tv e dei brand alla moda, unite da un comune denominatore: hanno raggiunto il top nei rispettivi campi, ma non per questo hanno perso la voglia di raccontarsi e di ascoltare. L'iniziativa è nata da Forbes Italia che ogni anno premia le 100 italiane che si sono distinte di più, insieme ad Action Agency, società di comunicazione di una numero uno quale Manuela Ronchi, instancabile nella creazione dei Virtual Bridge e di mille altre attività, con Cartier grande sponsor dell'iniziativa. Insomma, uno può pensare al solito seminario on line per dire quanto sono brave le donne e quanti progressi hanno fatto nel corso del tempo, la celebrazione del talento femminile eccetera eccetera. Ma sapevate voi che è una donna, Anna Gregorio,  la creatrice di un'azienda di Picosatelliti per utilizzi scientifici e tecnologici in forte espansione? O che una under 30, Giada Zhang, è Ceo di una società che porta a domicilio in giro per l'Italia tutte le specialità asiatiche in una continua sperimentazione con uno staff di cuochi di primo livello? Poi ci sono le vip, come Caterina Balivo, tutti in giorno in tv a guidare un programma di intrattenimento che sembra leggerino invece richiede lavoro e lavoro con una squadra compatta per il migliore risultato. Antonia Klugmann, severa giudice a Masterchef, è una cuoca stellata che si è fatta in strada in un mondo sempre più dominato dai maschi, Oppure Elisabetta Franchi, imprenditrice della sua moda, a capo di un'azienda in cui lei è il capo indiscusso perché non teme di dirlo: sono brava sia a disegnare abiti che a fare i conti, quindi posso fare entrambe le cose. Creatività e leadership era il titolo dell'incontro virtuale e queste donne rappresentano un mix di entrambi i fattori. Maria Elena Cappello, nel cda di Saipem, Tim, Mps e molto altro, ci tiene a sottolineare che il leader non deve smettere di <essere umano> e una buona squadra è fatta di <contaminazioni> e apertura alle diversità. Il buon leader deve coinvolgere i propri dipendenti se vuole fare crescere l'azienda e questi tre mesi di digitalizzazione forzata a causa del lockdown hanno accelerato l'innovazione come non si era fatto negli ultimi dieci anni. <Bisogna ingegnerizzare l'empatia> dice Cappello, <per una digitalizzazione più umana>. E poi c'è l'oncologa pediatrica, la dottoressa Franca Fossati-Bellani, che ha parlato della sua esperienza all'istituto Tumori di Milano: <dovevo starci un anno, sono rimasta una vita>, ha detto. E ancora: Lucia Cavaliere di Luxury White, Giovanna Della Posta (Ceo di Invimit), Barbara Franchin (Its), Raffaella Gregoris (fondatrice del marchio Bakel), Lidi Grimaldi (managing director di Interbrand), Elena Lavezzi (la "regina delle startup", ora a capo di Revolut per il sud Europa), Federica Levato (partner di Bain & Company), Maria Chiara Marmini Veronelli (fondatrice di A casa... Veronelli), Antonella Scaglia (Ceo del gruppo Imq), Paola Scarpa (Direttore Google Italia), Francesca Sesia (responsabile marketing di Black Rock Italia). L'incontro è stato moderato da Roberta Maddalena.

 Albert Einstein diceva: <La creatività è l'intelligenza che si diverte>.   

 

Dai blog